icon_sport_circleSport & Natura

Ferrata della memoria: sulle tracce del disastro del Vajont

Vi proponiamo una via ferrata molto speciale, che ripercorre  i versanti rocciosi del disastro del Vajont. Questa nuova via ferrata, la ferrata della memoria, con arrivo alla diga del Vajont vi metterà alla prova offrendovi scorci inediti e panoramiche mozzafiate. E’ ideale per chi vuole vivere la montagna a 360° legando l’aspetto sportivo alla storia di questi luoghi.

PERCHÉ CI È PIACIUTA TANTO QUESTA ESPERIENZA??

Perché la ferrata della memoria è speciale?

  • una giornata all’insegna dell’arrampicata per sportivi allenati
  • potrete ammorare uno scenario davvero privilegiato sulla valle del Vajont
  • un escursione che include un percorso di riflessione e memoria, sulle tracce del disastro

heart

Perché la ferrata della memoria? un tuffo nel dramma del Vajont

 Negli anni Sessanta infatti, la zona di confine tra il Veneto e il Friuli, vide la costruzione di una diga per la produzione di energia  elettrica,tra i comuni di Erto e Casso. La sera del 9 ottobre 1963, una parte del pendio del monte Toc cedette. Dopo circa cento metri andò ad urtare contro la diga, provocando lo straripamento di un’enorme massa di acqua.  La conseguenza fu l’allagamento di tutte le valli sottostanti,che provocò la morte di 1917 persone. Le guide alpine di Cortina hanno voluto celebrare la tragedia consumatasi nel Vajont con una via ferrata della memoria. Un nuovo percorso attrezzato, inaugurato nell’ottobre 2015, che porta lo scalatore in un punto di vista privilegiato.

Ferrata sul vajont: aggrappati al monte Toc!!

Questa esperienza propone l’arrampicata sulla diga del vajont. Una guida alpina,  saprà condurvi attraverso gallerie e pareti rocciose. Il percorso è di media difficoltà, consigliato per gli scalatori con un po’ di esperienza alle spalle. Una volta raggiunta la cima, lo spettacolo delle dolomiti è ineguagliabile. Se proprio volete documentare il vostro passaggio, in cima, avete a disposizione un libro per dediche e firme.

La ferrata  è esposta al sole , elemento che la rende particolarmente piacevole e divertente. Tecnicamente la parte centrale risulta quella più difficile.

La Ferrata della Memoria

Oltre al dato tecnico, agli scenari e al brivido che questa ferrata saprà regalarvi, è importante sottolinearne anche il lato storico.  Ideata dalle guide alpine per dare luce al disastro del Vajont, questa escursione è una giornata che vuole spingere alla riflessione e alla conoscenza degli accadimenti storici. Un tratto particolarmente suggestivo è quello che si avvicina alla diga del Vajont. Seppure la risalita non avviene esattamente nei pressi della diga, la visione d’insieme è quella di una monumentale parete di cemento che domina lo scenario. In un contesto del genere, sembra impossibile non riflettere sul disastro del 1963, quando il cedimento della parete guidò l’ ondata d’acqua. La stradina che porta dopo alla risalita, è anche un’occasione per osservare le opere e gli attrezzi utilizzati durante la costruzione della diga.

Tra le tante vie ferrate presenti in zona, questo è un percorso di una certa difficoltà, che vi porterà ad esplorare le ripide pareti e lo splendido paesaggio roccioso di questa porzione di DolomitiPasseremo per gallerie alternate a cenge con cavo, e scaleremo fino a raggiungere il sentiero che ci porterà alla diga del Vajont.

Dati tecnici

  • Si tratta di 600 m di ferrata sul canale iniziale, seguiti da 60 m in verticale
  • Dislivello totale: 300 mt circa
  • Difficoltà: Media/difficile
  • Ci sentiamo di consigliare l’esperienza solo a chi ha già una buona preparazione fisica.

Come raggiungere la ferrata della memoria?

  • DA LONGARONE: Dopo averlo raggiunto la zona del comune di Longarone (belluno),  percorrendo la strada regionale 251 che da Longarone porta ad Erto, si raggiunge l’abitato di Codissago. Percorrete la strada, che  sale fino al sesto tornante. Qui si abbandona la strada asfaltata per intraprendere una stradina molto esposta che porta , dopo circa cento metri, ad una galleria, da percorrere con una torcia.
  • DA ERTO: Se provenite da Erto, superate la diga, al secondo tornante, sulla sinistra trovate già il cartello per iniziare la ferrata. 

La Guida Alpina ha la facoltà di interrompere l’uscita qualora le condizioni meteorologiche fossero proibitive alla prosecuzione della stessa. In tal caso l’uscita verrà rimandata in data da destinarsi.

Se sei un appassionato di ferrate, ti proponiamo altre esperienze:

 

CARATTERISTICHE

  • Esperienza privata
  • Sostenibile

DETTAGLI DI ESPERIENZA

Prezzo (descrizione)

1 pers: 170€
2 pers : 90€/pers
3 pers : 63€/pers
4 pers : 50€/ pers

Durata

4 ore

Disponibilità

da Aprile a Novembre

Lingue parlate

  • Italiano
  • Inglese

COS'È INCLUSO / COS'È ESCLUSO

EXP Cos'è incluso -- WE Servizi :

Accompagnamento Guida Alpina, RC clienti, materiale tecnico (casco, imbraco, kit ferrata)

Cos'è escluso :

Tutto quanto non descritto espressamente sopra.

Condizioni di vendita

In caso di cancellazione fino agli ultimi due giorni prima della prestazione, verrà trattenuta una penalità del 20%.
In caso di cancellazione entro 48 ore prima della data di prenotazione dell’esperienza, sarà concesso un rimborso con una penalità del 60%.
In caso di cattivo tempo, l’esperienza verrà rimandata o rimborsata con una trattenuta del 5%.
Non è previsto nessun rimborso in caso di NO-SHOW, che corrisponde ad una mancata presenza al luogo e all’ora concordati.

Altre informazioni pratiche

Da un minimo di 1 persone ad un massimo di 4 persone
Per gruppi più numerosi, un’altra guida vi accompagnerà
Adatta a ragazzi a partire da 16 anni (senza accompagnamento dei genitori) e per adulti
Abbigliamento sportivo montano e pranzo al sacco richiesto (scarponi, giacca antivento/pioggia, pile o piumino leggero, cibo e acqua)
Si invita ad avvisare la Guida Alpina di eventuali problemi fisici, allergie od altro

Punto di Incontro

SHARE

Vuoi saperne di più o verificare una disponibilità ?

Non mancare altre esperienze di interesse

-----